Seconda al primo Challenge Venice!

06/06/2016

Ieri si è svolta la prima edizione del Challenge Venice: una gara full distance a cui non potevo certo mancare, così vicina a casa!

è stata una giornata ricca di emozioni forti, iniziando dalla partenza da Cà Foscari e il nuoto rettilineo fino a Parco san Giuliano, proseguendo nel tratto di bici da cui non mi aspettavo granchè e che invece mi ha sorpreso per il gran tifo festante a bordo strada composto da tanti appassionati, ma soprattutto da bambini, persono "normali" e anziani e per finire con la maratona all'interno del Parco, una corsa durissima, ma anche qui con un tifo da stadio che mi porterò dietro per sempre! il tutto condito da una giornata metereologicamente buona, a dispetto delle previsioni dei giorni precedenti. Insomma è stata una giornata (quasi) perfetta!

Sono contenta del mio secondo posto, ho lottato fino alla fine per cercare di riprendere la mia principale rivale ed ex compagna di squadra Erika Csomor, ma lei si è dimostrata un'avversaria tosta e tenace e che ha giustamente meritato la vittoria.

Se penso che lo scorso anno dopo l'Ironman Barcellona, mi ero ripromessa di non correre mai più una full distance perché quella gara mi aveva annullato fisicamente e psicologicamente, ma che invece sono tornata sulle mie decisioni per onorare questa gara "in casa", non posso che essere soddisfatta per come ho condotto questa prova: motivazione alle stelle, gambe e testa pronte a dare quel qualcosa in più per provarci fino alla fine. Risultato: un secondo posto che mi lascia soddisfatta e un nuovo record sulla distanza (9h04m42s)!
Il merito di tutto ciò non è solamente mio: a monte c'è tanto lavoro con la mia coach Edith e con le persone che mi sopportano quotidianamente e poi c'è stato un tifo da stadio che ha reso memorabile questa giornata! ho ancora i brividi se ripenso all'uscita dal nuoto, la pelle d'oca a ricordare l'entrata in T2 in cui il tifo dei tanti amici, compagni di squadra e parenti mi ha praticamente stordito, non so definire quello che provavo ad ogni ristoro e soprattutto ad ogni passaggio nel Triathlon Stadium in cui non so quanti incitamenti ricevevo, sono davvero emozioni uniche!

Un plauso allo staff Challenge Venice che ha creduto in questo progetto e ha dato vita a un evento sicuramente riuscito nonostante le mille difficoltà logistiche che una città come Venezia presenta e nonostante la rinomata diffidenza di noi Italiani: bravi ragazzi!

Non vorrei dimenticare di ringraziare nessuno e così lo farò di persona e qui mi limito ad un ringraziamento generale a chi mi ha tifato a bordo strada e a chi mi ha seguito on line o con un semplice pensiero: grazie!

Ora mi prendo qualche giorno di meritato riposo prima di riprendere verso nuovi obiettivi...stay tuned!

Maggiori info